Assicurazione lavoratori atipici – Cosa considerare

I pochi enti e le poche banche che prevedono la possibilità di concedere un mutuo, impongono anche la stipula di un’assicurazione per lavoratori atipici. Solitamente questa polizza viene stipulata sul mutuo per la perdita dell’impiego. Vediamo di capire di cosa stiamo parlando e se avete necessità di sottoscrivere un’assicurazione per lavoratori atipici potete rivolgervi a Kiron Mediazione Creditizia. Qui troverete personale preparato e pronto ad offrire consulenze, oltre a una vasta gamma di polizze adatta a tutte le esigenze.

In ogni caso in un periodo di incertezza lavorativa è andata aumentando questa pratica. Le stipule di assicurazione sulla perdita dell’impiego sono delle tutele per le banche. Soprattutto a fronte di un livello di sofferenze bancarie che cresce di anno in anno. Inoltre anche le persone che non vivono più con certezza il mantenimento del proprio impiego anche se a tempo indeterminato, sostengono l’utilizzo dell’assicurazione per lavoratori atipici.

Tuttavia non tutte le polizze sono valide, perciò vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Come scegliere l’assicurazione migliore

Per prima cosa bisogna dare un giudizio di convenienza sul tipo di scelta relativo all’assicurazione per lavoratori atipici. Infatti per tutta la durata del mutuo, si dovranno pagare i premi dell’assicurazione. Per valutare la convenienza basterà considerare il tipo di copertura di cui si potrà disporre. In media le assicurazioni coprono il pagamento del premio per un anno. Solo in alcuni casi l’assicurato non dovrà restituire le rate di mutuo pagate in questo lasso di tempo. Sostanzialmente bisogna considerare l’ipotesi di stipula di una polizza con copertura totale o parziale. Dopodiché vedere le eventuali restrizioni riportate nel contratto.

I passi da seguire

La prima cosa da fare è confrontare le differenti tipologie di assicurazione per lavoratori atipici. Infatti bisogna ricordare che no siete tenuti in alcun modo ad accettare le polizze proposte dalla stessa banca. Farsi un’idea sull’offerta del mercato può essere estremamente utile. Una volta trovata l’assicurazione per lavoratori atipici che considerate migliore, dovrete controllare tutti i tipi di restrizioni e di esclusioni. A questo proposito dovete sempre tenere presente che alcune polizze coprono solo determinati impieghi. In molti casi infatti i lavoratori precari o atipici vengono esclusi, motivo per cui esistono assicurazioni a loro dedicate.

Purtroppo sono stati registrati tanti casi in cui, per leggerezza della banca intermediaria, venivano stipulate polizze che non prevedevano il tipo di copertura giusta. In questi casi le polizze finivano per non offrire le tutele di cui realmente si aveva bisogno. In ogni caso la compagnia di assicurazione non è tenuta a controllare che ciò che offre sia corrispondente a ciò di cui ha bisogno l’assicurato. Per cui ricordate che questo genere di polizze è legale, anche se si paga per un tipo di tutela di cui non si potrà usufruire. Una volta fatto questo genere di controllo, non rimane che valutare il peso economico dei premi.

Conclusioni

Per concludere bisogna considerare che le coperture assicurative, anche per un’assicurazione per lavoratori atipici, vengono fatte fino al raggiungimento di un’età massima. Solitamente la soglia d’età è pari ai 75 anni, ma può anche essere inferiore. Perciò la durata della polizza non va fatta coincidere con quella del mutuo, soprattutto se si supera questa soglia. Oppure se supera il momento in cui si andrà in pensione. Infatti sarebbero solo soldi regalati alla compagnia di assicurazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *